17 Gen 2020

Bollo Auto 2020, tutte le novità

Novità per il bollo auto nel 2020: cambiano le modalità di pagamento, ci saranno controlli incrociati per scovare gli evasori e sono in arrivo degli sconti, ma solo in alcune regioni.

Dal 2020 aumentano i controlli per stanare gli evasori del bollo auto

Per il bollo auto nel 2020 arrivano alcune novità da tenere in considerazione. Si tratta di cambiamenti nelle procedure di pagamento – con il PagoPa che diventa l’unica forma possibile -, della possibilità di incrociare le banche dati di Aci e Pra per individuare chi non ha versato la tassa di possesso e di uno sconto concesso dalla regione Lombardia per chi paga tramite domiciliazione bancaria.

Restano invariate le date di scadenza per il pagamento del bollo auto 2020: entro il 20 gennaio 2020 se il bollo scade a dicembre 2019; entro il 31 maggio 2020 se il bollo scade ad aprile 2020; entro il 30 settembre 2020 se il bollo scade ad agosto 2020. Fanno eccezione i residenti in Piemonte e Lombardia, regioni che prevedono date di scadenza differenti. Inoltre, anche nel 2020 si paga l’ecotassa sui veicoli di nuova immatricolazione con emissioni di Co2 superiori ai 160 g/km.

SI PAGA SOLO TRAMITE PAGOPA

 A partire dal 1° gennaio 2020 il bollo auto si paga esclusivamente tramite il PagoPa, la realizzata dall’Agenzia per l‘Italia Digitale (Agid). Per l’utente non cambia molto, ma le agenzie di pratiche auto che intendono fornire il servizio di pagamento della tassa di possesso auto dovranno utilizzare il nuovo sistema, che nelle intenzioni mira a ridurre drasticamente l’evasione.


Ogni versamento viene tracciato mediante l’Identificativo Univoco di Versamento (Iuv), operazione possibile grazie alla modalità telematica offerta da uno dei Prestatori di Servizi di Pagamento (Psp), come le banche, le poste, gli istituti di pagamento e ogni altro soggetto abilitato ad eseguire servizi di pagamento. Il bollo auto viene calcolato in base alla potenza del veicolo espressa in Kilowatt (kW), riportata sul libretto di circolazione alla voce “P.2” e aumenta per le auto con classe di emissioni più vecchia. Seguendo l’ordine delle classi ambientali Euro 0, Euro 1, Euro 2, Euro 3, Euro 4, 5 e 6 i costi a kW, fino a 100, sono i seguenti: 3 euro; 2,90 euro; 2,80 euro; 2,70 euro; 2,58 euro. oltre i 100 Kw questi sono i costi: 4,50 euro; 4,35 euro; 4,20 euro; 4,05 euro; 3,87 euro.

CACCIA AGLI EVASORI DEL BOLLO   

Per contrastare il fenomeno dell’evasione del bollo auto, dal 2020 il Pubblico Registro Automobilistico (Pra) può acquisire la banca dati dell’Aci relativa ai pagamenti della tassa di proprietà, per poter effettuare dei controlli incrociati e stanare gli evasori. L’attività di controllo e repressione si concentra, in particolar modo, verso quegli automobilisti che non hanno mai pagato il bollo.

SCONTO PER LA DOMICILIAZIONE BANCARIA 

Sempre nell’ottica di contrastare l’evasione del bollo auto, la Regione Lombardia ha previsto la possibilità di versare il bollo tramite domiciliazione bancaria (Rid). Aderendo a questa modalità l’importo della tassa di possesso auto viene prelevata dal conto corrente dell’automobilista alla data di scadenza. Il vantaggio è duplice: non si corre il rischio di dimenticare di pagare il bollo auto e si ottiene uno sconto del 15% del bollo, pari a circa due mensilità.

Fonte: https://www.gazzetta.it/motori/la-mia-auto/29-12-2019/bollo-auto-2020-novita-calcolo-pagamento-3502266452923.shtml

Share this
10 Lug 2019

PERCHÉ È NECESSARIO PAGARE IL BOLLO DELL’AUTO

La tassa di circolazione dei veicoli

Spesso il bollo dell’auto è considerata un’incombenza secondaria, soprattutto rispetto ad assicurazione e revisione ad esempio. Il bollo dell’auto nello specifico è un’imposta indiretta regionale che deve essere pagata annualmente dai possessori di un’automobile iscritta al P.R.A. – Pubblico Registro Automobilistico.

Si tratta di una tassa da corrispondere in ogni caso, ovvero sia se il mezzo è in uso ma anche se è fermo ed inutilizzato.

In quali sanzioni si possono incorrere in caso di ritardo

Il bollo dell’auto, come anticipato, deve essere pagato annualmente ed entro il mese successivo a quello di scadenza; se quindi il bollo scade a luglio, è possibile pagare senza incorrere in sanzioni, entro la fine di agosto. Sanzioni che variano a seconda del ritardo nel pagamento.

Se hai superato l’anno di ritardo puoi ricevere un avviso di accertamento dalla regione, che se inadempiuto può avere conseguenze piuttosto pesanti, come il fermo amministrativo, ovvero il blocco del veicolo.
Se la regione non notifica la richiesta di pagamento entro 3 anni dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello in cui la tassa regionale deve essere corrisposta, allora cadrà in prescrizione e non sarà necessario pagare; ma non è il caso di correre il rischio, viste le conseguenze onerose.

Mettiti subito in regola con il bollo auto: passa in agenzia!

Per evitare di incorrere in multe e sanzioni e per vivere tranquillamente, senza pensieri di scadenze ed incombenze burocratiche, puoi rivolgerti a noi di Scettino Group: professionisti del settore che si occupano del mondo automobilistico a 360°, dalla consulenza automobilistica alla revisione; dal conseguimento della patente alla riparazione.

Vieni a trovarci nelle nostre agenzie, in breve tempo possiamo verificare la registrazione del mezzo ed eseguire il pagamento del bollo. Desideri ricevere maggiori informazioni su questo o su altri servizi che offriamo da Schettino Group?
Mettiti subito in contatto con noi! Non esitare a contattarci, siamo al tuo servizio

Fonte: https://www.agenziabordignon.com/perche-e-necessario-pagare-il-bollo-dellauto/

Share this

© 2017 AS Group. Realizzato da Done Studio. All rights reserved<br> Comunicazione a cura di Medina

Click Me