10 Lug 2020

Vacanze. Come si trasportano le bici?

Portabici, portasci e portabagagli possono essere liberamenti applicati alla macchina senza alcuna formalità. Non modificando le caratteristiche tecniche dell’auto, infatti, non comportano l’aggiornamento della carta di circolazione né, quindi, la visita e prova in una sede della motorizzazione civile.

Targa completamente visibile. Per il loro utilizzo, però, bisogna rispettare le norme generali del Codice della strada: non devono occultare, nemmeno parzialmente, la targa e i dispositivi di segnalazione e illuminazione, devono essere saldamente ancorati alla carrozzeria, non avere elementi orientati all’esterno in grado di agganciare pedoni, ciclisti e motociclisti e rientrare nei limiti di sagoma e di massa previsti dal Codice della strada.

Le regole sulla sporgenza. Per quanto riguarda la sagoma, il Codice prevede i seguenti vincoli:
– divieto di sporgenza longitudinale anteriore;
– sporgenza longitudinale posteriore ammessa fino al 30% della lunghezza del veicolo (da segnalare con un pannello quadrangolare a strisce diagonali bianche e rosse rivestito di materiale riflettente oppure con due pannelli, ai lati, se la sporgenza riguarda l’intera larghezza del veicolo);
– sporgenza laterale ammessa fino a 30 cm dal bordo esterno delle luci di posizione
– altezza complessiva (auto + carico) ammessa fino a 4 metri.

I limiti di massa. Il limite di massa, invece, è specifico per ciascuna auto ed è indicato sulla carta di circolazione (con una tolleranza del 5%) ma in genere con le biciclette il problema della massa non si pone mai. I portabici possono essere applicati anche al gancio di traino nel rispetto del carico verticale ammesso sul gancio (indicato anche nella targhetta di identificazione).

Non ammessa la targa ripetitrice. Una delle questioni più dibattute in rete riguarda la possibilità di utilizzare una targa ripetitrice nel caso in cui il portabici o il carico occultino, anche parzialmente, quella dell’auto. La norma non lo ammette, visto che la targa ripetitrice è applicabile unicamente ai carrelli appendice (e ai rimorchi immatricolati prima del 20 febbraio 2013). Dunque, anche ammettendo di poter ottenere dalla motorizzazione civile una placca di questo tipo poiché il veicolo è dotato di gancio traino (per ottenerla, tra l’altro, non è necessario dimostrare la proprietà o la disponibilità di un carrello) non è consentito applicarla al portabici (né, tantomeno, si può ricorrere a una autocostruita). La norma, infatti, ne ammette questo particolare uso, in deroga alla regola generale, solo sugli accessori applicati posteriormente a sbalzo sul gancio dei bus gran turismo e di linea. Misteri italiani.
Semmai, se l’accessorio è applicabile al gancio traino e ed è dotato di portatarga illuminato, si può applicare su di esso la targa posteriore dell’auto.

Multa di 87 euro e tre punti. Per quanto riguarda le multe, l’uso della ripetitrice su un portabici, ancorché non ammesso, non è specificatamente sanzionato. Ma si ritiene applicabile la multa prevista dall’articolo 164 del Codice relativa al carico mal sistemato che maschera la targa: 87 euro (60,90 con lo sconto) e la perdita di tre punti della patente.

Share this

© 2017 AS Group. Realizzato da Done Studio. All rights reserved<br> Comunicazione a cura di Medina

Click Me