30 Ott

Motorizzazione e Aci, Rinvio sul documento unico

Slitta ancora l’avvio della sperimentazione del documento unico, prevista inizialmente per l’1 ottobre scorso. Dopo il mini rinvio al 14 ottobre (deciso due settimane fa dal tavolo di coordinamento costituito da ministero delle Infrastrutture e dall’Aci di fronte alla sostanziale indisponibilità dei software che dovranno gestire il complesso dialogo tra l’Archivio nazionale veicoli del ministero dei Trasporti e il Pubblico registro automobilistico gestito dall’Aci), è stato deciso di rimandare tutto di altre quattro settimane.

Si parte l’11 novembre. Salvo ulteriori sorprese, la sperimentazione inizierà l’11 novembre. A quel punto, però, resteranno appena 40 giorni a disposizione, meno della metà rispetto a quelli previsti inizialmente, prima del “big bang” che, a partire dall’1 gennaio, porterà alla scomparsa del Certificato di proprietà e al rilascio di un nuovo modello di Carta di circolazione contenente i dati del proprietario del veicolo e i gravami eventualmente presenti (fermo amministrativo, ipoteca, eccetera).

Si rischia il rinvio a luglio 2020. Sullo sfondo, poi, restano due incognite: la data dell’1 gennaio 2020, stabilita per la partenza del documento unico, e il nodo delle nuove tariffe. Per quanto riguarda il primo aspetto, tra gli addetti ai lavori si teme un possibile rinvio all’1 luglio 2020 nel caso in cui la fase sperimentale non dia i risultati attesi in termini di velocità delle iscrizioni e trascrizioni dei veicoli e, quindi, di rilascio della carta di circolazione, come peraltro sta già accadendo nel test su base volontaria partito l’1 luglio scorso e a cui hanno aderito alcune decine di agenzie di pratiche auto.

Il dubbio sulle tariffe. L’altra incognita è la rimodulazione delle tariffe, prevista dalle legge che istituì il documento unico (dlgs 98/2017): “Per il rilascio e l’aggiornamento della carta di circolazione in sede di prima immatricolazione, di reimmatricolazione o di aggiornamento, è corrisposta una tariffa unica determinata con decreto del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, di concerto con i ministri dell’Economia e delle Finanze e della Giustizia, da adottare entro il termine perentorio del 30 aprile 2018”. Sono trascorsi quasi 18 mesi da quel termine perentorio e della “tariffa unica” non solo non v’è traccia, ma non si è ancora iniziato a parlare.

Buco per l’erario o maggiori oneri per i cittadini? Certo, in assenza del decreto attuativo, la stessa legge prevede l’invarianza rispetto alla situazione attuale, ovvero la “somma delle due tariffe (10,20 euro per la Motorizzazione e 27 euro per l’Aci, ndr) previste a normativa vigente” e una “imposta di bollo unificata quale somma degli importi delle imposte di bollo (da 16 euro, ndr)”. Insomma, il legislatore è stato previdente, ma non ha tenuto conto che il dimezzamento dei documenti prevederebbe inevitabilmente, senza un ulteriore intervento, anche il dimezzamento delle imposte di bollo.

Cosa cambia per le auto nuove… Vediamo come stanno le cose in due situazioni, l’acquisto di un’auto nuova oppure di una vettura usata. Nel primo caso, attualmente si pagano quattro imposte di bollo da 16 euro, due per la domanda e per il rilascio della carta di circolazione e due per la domanda e per il rilascio del certificato di proprietà. In totale, fanno 64 euro (più 10,20 di tariffa Motorizzazione, più altri 27 euro di tariffa Pra). Con il documento unico, le imposte di bollo si ridurrebbero a due: significa che per mantenere invariato il gettito il legislatore dovrebbe raddoppiarne l’importo a 32 euro.

… e per l’usato. Con l’imposta di bollo a 32 euro, però, ci si troverebbe penalizzati in caso di acquisto di un’auto usata. In questa circostanza, infatti, attualmente si paga un’imposta di bollo da 16 euro per l’aggiornamento della carta di circolazione e due imposte da 16 euro per la domanda e il rilascio del certificato di proprietà. In totale 48 euro. Con il documento unico le imposte scenderebbero a due, per un importo di 64 euro, 16 in più rispetto a ora. Poca cosa, per carità, visto che il grosso del costo di un trapasso è dato dall’Ipt, però contraria allo spirito della legge, la quale recita: “Tale tariffa è determinata in misura comunque non superiore alla somma dell’importo delle due tariffe previste a normativa vigente, tenuto conto dei costi dei servizi”.

Fonte: https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2019/10/08/motorizzazione_e_aci_rinvio_sul_documento_unico.html

Share this

Leave a reply