30 Gen

Al debutto il primo airbag al mondo per la protezione nelle collisioni multiple

I veicoli Hyundai e Kia di prossima generazione saranno equipaggiati con una tecnologia airbag all’avanguardia, per migliorare la sicurezza negli impatti secondari

Più protezione negli incidenti con collisioni multiple. Per offrire ai suoi clienti una maggiore protezione nelle “carambole”, Hyundai Motor Group ha annunciato lo sviluppo e la futura commercializzazione del primo sistema airbag multi-collisione.

Secondo la casa coreana questa nuova tecnologia porterà significativi miglioramenti all’airbag quando l’urto principale è seguito da altri urti consecutivi (che si verificano in tre incidenti su dieci), ad esempio contro alberi, pali della luce o altri veicoli.
Il sistema messo a punto dai progettisti è quindi in grado di ricalibrare l’intensità dell’impatto necessaria all’attivazione dell’airbag, valutando anche la posizione degli occupanti nell’abitacolo dopo il primo urto poiché gli attuali sistemi di airbag non offrono una protezione ulteriore quando l’impatto iniziale non è sufficiente a causarne l’attivazione.

Lo studio della casa coreana ha verificato che quando gli occupanti della vettura rimangono incastrati all’interno dell’abitacolo, l’efficacia della tecnologia di sicurezza esistente può essere compromessa.
Ecco quindi che i sistemi di airbag multi-collisione sono progettati invece per funzionare ancora più rapidamente dove i sistemi di sicurezza iniziali possono perdere efficacia, offrendo così una maggiore tranquillità quando i guidatori e i passeggeri sono in una condizione più vulnerabile.

Secondo i test effettuati, calibrando l’intensità dell’attivazione, il sistema di airbag risponde più rapidamente durante l’impatto secondario, migliorando di conseguenza le condizioni di sicurezza in caso di collisione multipla.

Secondo le statistiche del National Automotive Sampling System Crashworthiness Data System, circa il 30% dei 56.000 incidenti automobilistici avvenuti nel Nord America dal 2000 al 2012 comprende collisioni multiple.

Questi sinistri sono causati da veicoli che invadono la corsia opposta (30,8%), vetture che si fermano improvvisamente ai caselli autostradali (15,3%), urti contro lo spartitraffico (8%) e collisioni contro alberi o pali della luce (4%).

“Incrementando le prestazioni degli airbag negli incidenti a collisione multipla, ci aspettiamo di migliorare significativamente la sicurezza dei nostri conducenti e passeggeri – spiega Taesoo Chi, head of chassis technology center di Hyundai Motor Group – Continueremo la nostra ricerca analizzando gli scenari più disparati come parte del nostro impegno nella produzione di veicoli ancora più sicuri, che proteggono gli occupanti e prevengono gli infortuni”.

Hyundai Motor Group ha analizzato gli scenari di incidenti in molteplici aspetti per migliorare l’efficacia la precisione degli airbag nelle collisioni secondarie e renderà disponibile il sistema sui veicoli Hyundai e Kia di prossima generazione. (m.r.)
fonte (Repubblica.it)

Catello Germano

Share this

Leave a reply